Carabinieri: controlli contro le frodi nella filiera biologica

Di:

14 Giu 2018

Di:

I Carabinieri per la Tutela Agroalimentare scoprono una frode pari a 15 tonnellate di alimenti con falsa etichetta biologica

Roma 13.06.2018 – La recente operazione dei Reparti Speciali dei Carabinieri per la Tutela Agroalimentare si inserisce all’interno delle costanti attività di contrasto e di controllo in difesa della sicurezza alimentare dei consumatore, in un settore che negli ultimi anni ha visto tassi di crescita in doppia cifra (un aumento del 15% nelle vendite). Infatti, il falso biologico e le frodi alimentari colpiscono non soltanto quei 6 italiani su 10 che nell’ultimo anno hanno messo nel carrello della spesa prodotti bio, ma soprattutto minacciano il primato dell’Italia in Europa, il lavoro di oltre 72mila operatori e indirettamente anche l’immagine del tricolore nel mondo.

I Militari del Reparto Speciale dell’Arma per arginare questo pericoloso fenomeno del “falso bio” hanno deciso di portare avanti in tutta Italia attente verifiche che, solo nell’ultima operazione, ha coinvolto 45 aziende impegnate nella filiera del biologico. I controlli hanno interessato alcune province dell’Emilia Romagna e del Centro-Sud.

Ad esempio a Ravenna e Reggio Emilia, 63 confezioni di frutta secca ed erbe aromatiche e 22 pacchi fra baccalà, sardine e alici, riportavano indicazioni sull’etichetta in modo fraudolento il logo comunitario essendo però difformi dalle norme che si applicano per i prodotti biologici; mentre a L’Aquila, 381 uova biologiche venivano poste sotto sequestro perché non è stato possibile risalire alla provenienza.

I Nuclei Antifrodi Carabinieri con competenza interregionale per il sud hanno invece concentrato il loro intervento nel comparto dell’ortofrutta biologica: a Caserta, Napoli e Salerno, circa 285 kg di ortofrutta e 3.000kg  di passata di pomodoro (6.480 barattoli) erano privi degli elementi utili per garantire l’origine biologica del prodotto essendo impossibile individuarne la rintracciabilità.

I controlli effettuati nelle provincie di Catania e Messina hanno inoltre portato alla denuncia di una persona per frode in commercio perché in possesso di 11 mila kg di finte arance che potevano essere immesse nel mercato come italiane ma in realtà provenienti dall’Egitto e altre irregolarità amministrative per mancata rintracciabilità della frutta in lavorazione; in un pastificio è stata poi scoperta della pasta bio “fantasma”, cioè inesistente nei registri obbligatori dei lotti di produzione.

I suddetti controlli hanno una doppia finalità quella di tutelare gli onesti produttori e di garantire che sulle tavole degli italiani arrivi solo cibo sicuro a testimonianza dell’attività di prevenzione strategica e investigativa dell’Arma dei Carabinieri in ambito agroalimentare. È anche grazie a questi controlli dei Carabinieri che l’Italia può vantare le migliori eccellenze agroalimentari che tutto il mondo ama, ma anche uno tra i più efficienti sistemi di sicurezza alimentare.

***
Scopri maggiori informazioni sull’attività dei Reparti dell’Arma dei Carabinieri nel settore agroalimentare

Simple Share Buttons

Continuando ad usare il sito, acconsenti all'uso dei cookie. più informazioni

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati. Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie. In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie: - cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser; - cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito; - social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento; - cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate. Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie. - Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

Chiudi