ICQRF e Carabinieri: Operazione “Ghost Wine” contro il vino adulterato

Di:

15 Lug 2019

Di:

I Carabinieri del NAS e l’ICQRF hanno scoperto milioni di litri di vino “fantasma” fatto senza uva: falso Primitivo e Salento spacciati come DOC e IGT

Lecce 11.07.2019 – Grazie al recente blitz dei Carabinieri del NAS, in collaborazione con l’ICQRFIspettorato centrale qualità e repressione frodi, è stato possibile sventare una maxi truffa.
Quattro aziende chiuse, 30 milioni di litri di vino sequestrati e 11 arresti: è questo il risultato dell’ultima operazione “Ghost wine” in provincia di Lecce.

Secondo quanto riportato dal Corriere del Mezzogiorno, i Carabinieri hanno smantellato 3 distinte associazioni a delinquere che potevano contare sull’aiuto di una talpa che le avvisava in anticipo dei controlli.
Complessivamente il valore stimato della truffa dei “vini fantasma” è di oltre 150 milioni di euro e ha coinvolto in totale 41 persone residenti in Campania e in Puglia.

I “vini fantasma” erano praticamente privi di uva e realizzati in modo tale da ingannare anche i controlli elettronici. Ma erano anche potenzialmente dannosi perché prodotti sinteticamente, nonché resi bevibili nonostante fossero aceto grazie all’aggiunta di sostanze ad uso agricolo come il solfato di rame e l’urea.

La falsificazione poteva avvenire in vari modi: c’era chi aggiungeva coloranti e altre sostanze chimiche all’acqua trasformandola miracolosamente in vino e chi riusciva a decuplicare la propria produzione miscelando al mosto saccarosio di barbabietola disciolto in acqua, attivando la fermentazione alcolica pur in assenza di uva.

Le etichette falsificate si rifacevano a denominazioni quali Copertino Doc, Primitivo di Manduria Doc, Salice Salentino Doc, Igt Salento, Igt Puglia e Riserva.

Nella stessa operazione sono stati rinvenuti anche falsi vini biologici e riscontrata la pratica della nazionalizzazione di vini prodotti in Spagna e venduti come italiani.

Una truffa gravissima alla quale i Carabinieri sono riusciti a porre rimedio con i necessari controlli e la giusta dose di “tolleranza zero” per coloro che mettono a rischio lo sviluppo del settore del vino italiano di qualità.
Un settore trainante per il made in Italy agroalimentare che ha raggiunto il record storico di fatturato a 11 miliardi, con una crescita in valore sia nell’export (+3%) che nei consumi (+4%).

In particolare, nel 2018 il vino pugliese ha raggiunto il record storico di produzione pari a circa 11 milioni di ettolitri, al primo posto nella classifica delle regioni più produttive, e una crescita in valore del 6,7% per l’export.

I controlli ICQRF nel settore del vino

Secondo i dati relativi ai controlli effettuati dall’ICQRF nel settore vitivinicolo, dal 2014 al 2018 sono aumentati del 9% quelli realizzati in Puglia, i cui esiti hanno mostrato diverse tipologie di frodi per il vino che si estendono dallo zuccheraggio alle falsificazione delle etichette, dall’annacquamento all’aggiunta irregolare di aromi.

A livello nazionale, fanno invece registrare un balzo del 75% le notizie di reato nel settore vitivinicolo nel 2018, su un totale di 18mila controlli effettuati dall’Ispettorato Centrale Repressione Frodi del Ministero delle Politiche Agricole.

Le frodi e l’agropirateria rimangono infatti la principale minaccia per il vino di qualità italiano: nell’ultimo anno sono state smascherate dall’ICQRF ben 194 notizie di reato con il sequestro di 15 milioni di chili di prodotto per un valore di 16,3 milioni di euro.

Oltre alle frodi a livello nazionale, si aggiungono anche gli inganni del vino made in Italy provocati dalla vinopirateria internazionale, che rimangono ancora molto difficili da reprimere.

Simple Share Buttons

Continuando ad usare il sito, acconsenti all'uso dei cookie. più informazioni

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati. Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie. In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie: - cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser; - cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito; - social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento; - cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate. Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie. - Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

Chiudi