Vinitaly: Carabinieri e ICQRF, la lotta alle frodi tra vigne e cantine

Di:

11 Apr 2019

Di:

In occasione della fiera del vino italiano più famosa al mondo, ecco alcuni numeri per la difesa del Made in Italy nel bicchiere.

08.04.2019 – Come scrivono Gian Carlo Caselli e Stefano Masini nel libro “C’è del marcio nel piatto“, «…le papille gustative possono essere efficacissimi agenti sotto copertura», riferendosi a una famosa operazione dei Carabinieri che, anni fa, portò al sequestro di oltre 30 mila bottiglie di falsi pregiati vini toscani.

Ma purtroppo molto spesso i consumatori, specialmente quelli stranieri, non hanno a disposizione gli strumenti adatti per difendersi, né le conoscenze giuste per evitare di rimanere vittime di frodi alimentari quando acquistano inconsapevolmente un prodotto contraffatto.

Per questo l’azione congiunta delle principali autorità italiane per la tutela agroalimentare, come i Carabinieri e l’ICQRF, hanno visto negli anni moltiplicare gli sforzi per reprimere sul nascere le frodi in campo alimentare prima che possano estendersi come virus sui mercati italiani e su quelli internazionali.

L’Italia infatti nel 2018 ha prodotto oltre 55 milioni di ettolitri di vino (+29%) che rappresenta il primo prodotto del made in Italy agroalimentare esportato nel mondo (20 milioni di ettolitri) per un valore dell’export pari a 6,2 miliardi di euro (+3.3%).

Ma oltre questo primato produttivo, il Bel Paese può vantare anche una tra le più efficienti reti di controllo nel settore.

Ad esempio, solo tra la fine 2018 e l’inizio del 2019 sono stati sequestrati dai Carabinieri per la tutela agroalimentare ben 390 mila litri di vini per un valore di oltre 520 milioni di euro.
Le indagini hanno riguardato non solo aspetti di natura amministrativa (come errori o mancanze in etichette), ma anche di natura penale con 4 aziende denunciate per frode.
Queste, in particolare, stavano tentando di “spacciare” del normalissimo vino bianco frizzante per vino spumante, in particolare per prosecco, mentre un’azienda toscana era “specializzata” nella falsificazione di altri vini famosi come il traminer, grignolino e il toscano bolgheri.

Parallelamente, oltre ai controlli dei Carabinieri, un ruolo di primario importanza è stato portato avanti con successo dall’ICQRF, l’ispettorato per la repressione delle frodi alimentari del Ministero delle Politiche agricole che, nel corso del 2018, ha effettuato ben 17.820 controlli solo nel settore vitivinicolo (circa 50 controlli giornalieri), confermandosi come autorità pubblica che svolge il maggior numero di controlli antifrode al mondo.

L’ICQRF è infatti l’autorità competente per le violazioni amministrative in materia di etichettatura e produzioni a denominazione d’origine e ad indicazione geografica, tra cui il vino, ma soprattutto l’ente che svolge un ruolo importante nella gestione di banche dati agroalimentari.
L’Italia è infatti l’unico Paese al mondo ad avere registri telematici per il settore vitivinicolo che vengono costantemente aggiornati e resi pubblici attraverso il report periodico “Cantina Italia“: dalla sua istituzione nel 2017, il registro telematico si è dimostrato un valido strumento di supporto alla prevenzione delle frodi e ha visto registrare circa 16mila operatori, cioè circa il 95% della produzione di vino italiano.

Simple Share Buttons

Continuando ad usare il sito, acconsenti all'uso dei cookie. più informazioni

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati. Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie. In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie: - cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser; - cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito; - social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento; - cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate. Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie. - Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

Chiudi