LA PUBBLICITA’ DEI PRODOTTI AGROALIMENTARI

Di:

08 Mar 2017

Di Cinzia F. Coduti

Una ricognizione normativa delle numerosissime disposizioni che interessano la pubblicità dei prodotti agroalimentari si presenta particolarmente utile nella prospettiva della elaborazione di un testo organico che disciplini la materia nella sua totalità, evitando duplicazioni di norme ed assicurando una tutela più efficace per il consumatore di alimenti e, più in generale, per il mercato dei prodotti agroalimentari.

Occorre prendere atto che se, da un lato, la pubblicità si attesta come lo strumento di comunicazione con maggiore forza persuasiva, dall’altro lato, la circolazione di alimenti sani e sicuri impone che le informazioni poste a corredo del prodotto non siano dirette a pregiudicare le scelte di acquisto del consumatore.

Il particolare rapporto che nel settore agroalimentare sussiste tra l’etichettatura, che contiene le informazioni oggettive sull’alimento ed il messaggio pubblicitario impiegato dall’operatore economico per distinguere i propri prodotti sul mercato e renderli riconoscibili al pubblico, ha condotto l’ordinamento europeo ad elaborare un quadro normativo unitario diretto a vietare la diffusione delle informazioni, anche quando rese per mezzo della pubblicità, se idonee ad indurre in errore il consumatore sulla composizione, le caratteristiche o i particolari effetti benefici dell’alimento.

Specifiche disposizioni in materia di etichettatura, pubblicità e presentazione sono dettate, inoltre, per particolari categorie di alimenti e per determinate fasce di consumatori come i lattanti e i bambini, le persone con problemi di peso o affette da diabete o celiachia o, ancora, per gli sportivi.

La difficoltà, per il pubblico, di tenere distinto il messaggio pubblicitario dal contenuto informativo dell’etichetta può agevolare l’adozione di condotte fraudolente da parte di operatori economici scorretti, inducendo l’acquirente a riporre la massima fiducia nelle comunicazioni riferite all’alimento e ad attenuare la soglia di attenzione nella fase di consumo, rischiando di adottare comportamenti che possono mettere in serio pericolo la propria salute.

Sul piano della induzione in errore, inoltre, un ruolo fondamentale è rivestito dalle disposizioni sulle pratiche commerciali scorrette dettate per tutti i prodotti, non solo alimentari, dal Codice del consumo (d.lgs. 6 settembre 2005, n. 206), senza, tuttavia, dimenticare le norme sulla pubblicità ingannevole e comparativa previste dal d.lgs. n. 145 del 2007 a tutela della lealtà della concorrenza.

Con riguardo ai mezzi di comunicazione impiegati per la diffusione di messaggi pubblicitari relativi agli alimenti, il Testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici (d.lgs. 31 luglio 2005, n. 177) si preoccupa di garantire che la pubblicità e, più in generale, la comunicazione commerciale audiovisiva sia chiaramente riconoscibile dal pubblico attraverso l’impiego di mezzi sonori o visivi in grado di richiamare l’attenzione sul carattere promozionale del messaggio.

L’attenzione riservata alla particolare vulnerabilità dei bambini nelle loro abitudini alimentari, induce a riflettere, inoltre, sul ruolo centrale rivestito dalla pubblicità nel trasferimento di erronee convinzioni sugli effetti nutrizionali prodotti da alimenti contenenti particolari livelli di sale, sodio, zuccheri, grassi o acidi grassi trans senza l’adeguata avvertenza circa le conseguenze derivanti da un uso eccessivo di tali sostanze.

Appare evidente, pertanto, come nel settore agroalimentare, il coinvolgimento di interessi particolarmente sensibili, quali quello alla salute e alla sicurezza, esiga che il consumatore sia correttamente educato ed adeguatamente informato non soltanto sugli alimenti che acquista ma anche sulla necessità di adottare uno stile di vita che preveda una regolare attività fisica ed un’alimentazione varia, sana, sicura e di qualità, basata su produzioni tipiche e di stagione.

La normativa selezionata in questa sede, con uno sguardo rivolto anche all’esperienza francese, intende, pertanto, individuare le condizioni per la realizzazione di iniziative promosse tanto dalle pubbliche amministrazioni quanto da soggetti privati su base volontaria per rafforzare la capacità del consumatore di individuare le produzioni false o rischiose e potenziare i controlli a tutela della veridicità del messaggio pubblicitario, in misura proporzionata al tipo di strumento impiegato.

 

Simple Share Buttons

Continuando ad usare il sito, acconsenti all'uso dei cookie. più informazioni

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati. Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie. In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie: - cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser; - cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito; - social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento; - cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate. Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie. - Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

Chiudi