Stop BUFALE… a tavola: ricercatori della Sapienza inventano un metodo per scoprire le frodi sulla Mozzarella di Bufala Campana DOP

Di:

04 Giu 2018

Stop BUFALE… a tavola: ricercatori della Sapienza inventano un metodo per scoprire le frodi sulla Mozzarella di Bufala Campana DOP

Di:

28.06.2018 – L’adulterazione della Mozzarella di Bufala Campana DOP, un’eccellenza italiana conosciuta in tutto il mondo, è una pratica fraudolenta purtroppo molto diffusa a causa sia del prezzo elevato del siero bufalino rispetto a quello vaccino, sia perché i quantitativi stagionali sono molto limitati. Pratiche illegali che si traducono in inganno per i consumatori che acquistano in realtà una mozzarellanormale”, cioè fatta con latte di mucca.

Questo tipo di adulterazioni sono solitamente scoperte tramite l’analisi delle proteine presenti nel formaggio a pasta filata, ma tuttavia non sempre si riesce ad avere un esito certo sulla natura contraffatta dell’alimento analizzato in laboratorio; questo perché  gli strumenti finora utilizzati non riuscivano a fornire informazioni quantitative sul rapporto tra latte vaccino e quello di bufala eventualmente presente nella contraffazione, laddove l’adulterazione prevede spesso l’uso parziale di entrambe le materie prime.

Un nuovo metodo al servizio della sicurezza alimentare

Alcuni ricercatori dell’Università Sapienza di Roma, hanno invece sviluppato un metodo per identificare velocemente e con precisione il latte usato nella produzione delle mozzarelle di bufala campana che si pregiano della Denominazione d’Origine Protetta.

Il team di ricerca ha infatti scoperto che alcune molecole contenute nelle due materie prime possono venire usate come marcatori biologici: il latte vaccino contiene infatti beta-carotene che non rintracciabile nel siero bufalino; al contrario l’ergocalciferolo, anche conosciuto come vitamina D2, non è presente nel latte di vacca, ma solo in quello di bufala.

Partendo da queste ipotesi il gruppo di ricerca del primo ateneo romano è riuscito a sviluppare un metodo semplice per misurare l’esatta composizione di questi composti all’interno dei campioni di mozzarella analizzati e di conseguenza a rintracciare con elevata precisione la concentrazione di latte vaccino laddove fosse utilizzato per la produzione fraudolenta della mozzarella di bufala campana DOP, anche con percentuali inferiori al 5%.

Quando questo metodo, che è stato già testato con successo nei laboratori universitari, diventerà completamente operativo e sarà messo al servizio degli enti preposti ai controlli sulle frodi in campo agroalimentare, permetterà di eseguire facilmente analisi di routine con costi contenuti e tempi rapidi a vantaggio della sicurezza alimentare dei consumatori e dei turisti enogastronomici del nostro Paese, valorizzando i produttori italiani onesti.

Simple Share Buttons

Continuando ad usare il sito, acconsenti all'uso dei cookie. più informazioni

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati. Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie. In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie: - cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser; - cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito; - social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento; - cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate. Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie. - Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

Chiudi