LO SAI CHE…Qual è la definizione di spreco alimentare?

Di:

12 Feb 2019

La Legge italiana sugli sprechi alimentari (166/2016) presenta le seguenti definizioni:

«Eccedenze alimentari»:
i prodotti alimentari, agricoli e agro-alimentari che, fermo restando il mantenimento dei requisiti di igiene e sicurezza del prodotto, sono, a titolo esemplificativo e non esaustivo: invenduti o non somministrati per carenza di domanda; ritirati dalla vendita in quanto non conformi ai requisiti aziendali di vendita; rimanenze di attività promozionali; prossimi al raggiungimento della data di scadenza; rimanenze di prove di immissione in commercio di nuovi prodotti; invenduti a causa di danni provocati da eventi meteorologici; invenduti a causa di errori nella programmazione della produzione; non idonei alla commercializzazione per alterazioni dell’imballaggio secondario che non inficiano le idonee condizioni di conservazione.

«Spreco alimentare»:
l’insieme dei prodotti alimentari scartati dalla catena agroalimentare per ragioni commerciali o estetiche ovvero per prossimità della data di scadenza, ancora commestibili e potenzialmente destinabili al consumo umano o animale e che, in assenza di un possibile uso alternativo, sono destinati a essere smaltiti.


Secondo la definizione adottata a livello europeo, con sprechi alimentari si intende:

“il cibo e/o le parti non edibili, che vengono rimosse dalla filiera alimentare per essere destinate allo smaltimento o al recupero (compresi i compostati, le colture arate/non raccolte, la digestione anaerobica, la produzione di bioenergia, la cogenerazione, l’incenerimento, lo smaltimento in discarica e i rifiuti nelle fognature o in mare)”.


La FAO adotta infine una definizione più articolata perché in linea con il mandato ricevuto dalle Nazioni Unite nell’ambito del monitoraggio dell’Obiettivo n. 12.3 per lo Sviluppo Sostenibile:

  • Entro il 2030, dimezzare lo spreco alimentare globale pro-capite a livello di vendita al dettaglio e dei consumatori e ridurre le perdite di cibo durante le catene di produzione e di fornitura, comprese le perdite del post-raccolto

Ecco quindi la definizione internazionale di Food Loss e Food Waste, entrambi ricompresi nella nozione di food wastage.

Il Food Loss, si riferisce a una diminuzione della massa o del valore nutrizionale del cibo originariamente destinato al consumo umano, principalmente causate da inefficienze nelle catene di approvvigionamento alimentare, come infrastrutture e logistica carenti, capacità di gestione insufficienti degli attori della filiera o mancanza di accesso ai mercati. Ad esempio i pomodori che deperiscono durante il trasporto a causa della distanza o di un packaging inadeguato è un esempio di food loss o perdita di cibo.
Inoltre, i disastri naturali possono svolgere un ruolo significativo, come nel caso delle infestazioni parassitarie o eventi climatici estremi.

Il Food Waste, invece, si riferisce allo scarto o all’uso alternativo (non alimentare) di tutto quel cibo che è potenzialmente sicuro ed adatto al consumo umano. Gli esempi in questo caso possono essere:
– prodotti freschi che, essendo considerati non ottimali dalla filiera della distribuzione in termini di forma, dimensione e colore, vengono rimossi dal mercato durante le operazione di selezione e smistamento;
– gli alimenti che si avvicinano alla data di scadenza o al di là al termine minimo di conservazione, e che spesso vengono scartati sia dai dettaglianti che dai consumatori
– tutto il cibo sicuro e commestibile che è spesso inutilizzato o gettato via dalle dispense e cucine domestiche o dagli esercizi di ristorazione e stabilimenti alimentari. Spesso questo avviene perché il cibo è deperito ma anche, tra gli altri motivi, a causa di un eccesso di offerta sul mercato o per le abitudini non ottimali di acquisto e consumo individuali.


Data la complessità del fenomeno, è molto difficile avere una panoramica puntuale dei progressi fatti finora a livello globale: l’indicatore di monitoraggio degli SDGs, il Global Food Loss Index (12.3.1), è disponibile in via provvisoria solo per 43 Stati su 185, la cui affidabilità ufficiale è limitata a 23 Paesi. Inoltre ad oggi non è ancora possibile l’utilizzo dell’altro indicatore, il Food Waste Index (12.3.2), utile per il monitoraggio a livello di consumi e di commercio al dettaglio, soprattutto a causa della complessità nella raccolta dei dati.

***

Leggi l’approfondimento sullo spreco alimentare

Simple Share Buttons

Continuando ad usare il sito, acconsenti all'uso dei cookie. più informazioni

I cookie sono piccoli file di testo che i siti visitati inviano al terminale dell'utente, dove vengono memorizzati, per poi essere ritrasmessi agli stessi siti alla visita successiva. Il Sito utilizza cookie tecnici, sia propri che di terze parti. Tali cookie, essendo di natura tecnica, non richiedono il preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati. Il Sito utilizza, inoltre, cookie di profilazione di terze parti. Con riguardo a tali cookie, il consenso dell’Utente si assume prestato ogniqualvolta l’utente faccia click sul tasto “Accetto”, presente all’interno del banner che appare nella homepage. L’Utente può, in ogni caso, revocare in un secondo momento il proprio consenso all’installazione di tali cookie. In particolare, i cookie utilizzati nel Sito sono riconducibili alle seguenti sottocategorie: - cookie di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del Sito. Non essendo memorizzati sul computer dell’utente, svaniscono con la chiusura del browser; - cookie analitici, con cui sono raccolte e analizzate informazioni statistiche sul numero degli utenti e sulle visite al Sito; - social widgets e plugin: alcuni widgets e plugin messi a disposizione dai social network possono utilizzare propri cookies per facilitare l’interazione con il sito di riferimento; - cookie di profilazione, che sono utilizzati per raccogliere informazioni sulle preferenze e abitudini espresse dall’utente durante la propria navigazione e quindi rendere le inserzioni pubblicitarie fornite dalle terze parti più coinvolgenti e mirate. Di seguito sono elencati i cookie di terze parti installati sul Sito. Per ciascuno di essi è riportato il link alla relativa informativa sul trattamento dei dati personali effettuato e sulle modalità per l’eventuale disattivazione dei cookie utilizzati. In merito ai cookie di terze parti, il Titolare ha unicamente l'obbligo di inserire nella presente policy il link al sito della terza parte. È a carico di tale soggetto, invece, l'obbligo dell'informativa e dell'indicazione delle modalità per l'eventuale consenso e/o disattivazione dei cookie. - Google Analytics: Informativa | Opt Out

I cookie possono essere disabilitati dall’utente modificando le impostazioni del browser sulla base delle istruzioni rese disponibili dai relativi fornitori ai link elencati di seguito.

Chiudi